Agosto 2016, aeroporto internazionale Jinnah di Karachi

In collaborazione con la VASL Artists ‘Collective, l’artista italiano Maurizio Boscheri realizza un grande murale all’aeroporto di Karachi


Qualcosa sta accadendo all’aeroporto internazionale di Jinnah, arriva un markhor.
No, il nostro animale nazionale non è a piede libero pronto a prendere il prossimo volo – ma sta per far parte di un murale.
La VASL Artists Collective ha collaborato con il Consolato Italiano invitando Maurizio Boscheri a dipingere un grande murale all’aeroporto internazionale di Jinnah di Karachi.


Accompagnato dal Curatore Mario Liberali, l’artista italiano Maurizio Boscheri ha previsto di dipingere un murale con l’animale nazionale del Pakistan, il Markhor. I due italiani vennero a Karachi lo scorso agosto per una mostra al Museo Mohatta Palace presentando opere d’arte sulla natura e fauna selvatica del Pakistan.
Arrivando all’aeroporto internazionale di Jinnah, siamo stati accolti dagli artisti e dai membri del team VASL: Veera, Hira e Yasser.

Veera Rustomji, un membro della VASL, ci ha  incontrato e ci ha presentato a tutti i presenti.


Veera ci ha spiegato: “VASL è una residenza artistica pakistana e mettiamo a disposizione una piattaforma per artisti stranieri e locali per realizzare progetti. Così, per esempio, in questo progetto, abbiamo saputo che l’artista italiano Maurizio stava venendo in Pakistan per una mostra personale al Mohatta Palace Museum e abbiamo voluto dargli l’opportunità di presentare il suo lavoro ad un pubblico più vasto. “
“Così abbiamo scelto questa location e dal momento che abbiamo buoni rapporti con l’Autorità per l’Aviazione Civile, stiamo usando questo muro per realizzare il lavoro. Maurizio crea opere d’arte legate alla natura, tutte le sue opere in questo periodo sono più o meno concentrate sugli animali provenienti da Asia meridionale. “
Siccome Maurizio è già immerso nel dipingere il murale, fortunatamente ci ha accolti Mario e ci ha spiegato come hanno avuto modo di venire a Karachi per la mostra e deciso di intraprendere anche questo progetto.

Dice Mario, “Il nostro Consolato Generale, ci ha proposto di realizzare una mostra qui a Karachi. Abbiamo pensato a qualcosa di accessibile al popolo pakistano, come la propria cultura e gli animali locali. Quindi siccome Maurizio desiderava dipingere un animale simbolo della bellezza della natura locale, ha deciso di procedere con l’idea del markhor.”


A questo punto, Maurizio è sceso dall’impalcatura per salutarci: sia l’artista e il curatore erano felici di parlare del loro fascino per Karachi e la fauna selvatica del Pakistan.


“Ora abbiamo amici a Karachi”, dice Mario. “Karachi è così vivace! Inoltre è piena di vita. C’è così tanto da fare e le persone sono così gentili.”
“Questa non è la nostra prima volta in Pakistan!” ha sottolineato Mario con un sorriso, “Siamo venuti prima verso dicembre, così abbiamo avuto modo di vedere la città e incontrare alcune persone. Siamo anche andati al lago Kinjhar e Thatta. E’ molto bello essere qui, perché oltre alla mostra e a questo progetto, i nostri conoscenti ci hanno aiutato a realizzare tre workshop, due nelle università di Karachi e uno al Mohatta Palace Museum. Così potremo incontrare più persone, studenti e gente che ama l’arte . Stiamo progettando inoltre ancora altre le attività qui a Karachi “.


Il duo italiano è entusiasta per i numerosi progetti in cantiere a Karachi e vuole collaborare in modo continuativo.
Maurizio rivela, “Siamo appena arrivati ​​tre giorni fa, ma stiamo già assorbiti nel tanto lavoro, ma ci piace! Karachi è così vivace e piena di vita. C’è così tanto da fare e la gente è così cordiale. Tutti quelli che abbiamo incontrato ci ha fatto sentire come se fossimo a casa. Non sapevamo nulla Karachi prima, ma siamo arrivati ​​qui ed è tutto bello ed interessante. “
L’artista locale Phool Ge lavora con Maurizio sul murale, e dice: “C’è una barriera linguistica, ma ci capiamo con Maurizio,  noi comunichiamo attraverso l’arte.”.


Abbiamo poi chiacchierato un po’con l’artista ci fa anche domande su Karachi e sui luoghi da visitare…

Un team di artisti dipinge sul murale secondo le istruzioni di Maurizio: Questo team è stato guidato da un artista locale Phool Ge, che aveva lavorato anche con graffiti assieme ad un artista tedesco, Sebastian Schmidt, sulun altro murale qui in aeroporto.
Appena Phool scende a chiedere qualcosa a  Maurizio per impostare una combinazione di colori per la montagna sul murale, gli abbiamo chiesto come ha lavorato per questo progetto.


“Abbiamo ricevuto da Maurizio una indicazione di idea sul progetto, tramite e-mail”, dice Phool, “ma ci siamo riuniti oggi per la prima volta. Quindi, sì, ora dobbiamo fare delle nostre menti una sola. Questo schema di colori non è il nostro stile, è tutto suo. Noi stiamo solo eseguendo ed aiutandolo nel suo piano. “
L’arte è la lingua comune qui!
“C’è una barriera linguistica, ma noi capiamo Maurizio e la sua visione. Il tipo di schema che un artista ha in mente, noi siamo in grado di capirlo….

Sonia Ashraf – Dawn – Karachi

23 agosto 2016